Troppo facile

 

Un mio amico, quando deve dire che una cosa troppo facile, dice che " come picchiare un bambino che caga". Francamente ero fiducioso nel risultato favorevole, ma vincere per tre a zero un derby, in cui si contano anche tre pali, due miracoli del portiere avversario ed un goal divorato, senza una sola azione avversaria degna di essere riproposta in tv,  una sensazione che non avrei mai pensato di provare. E probabilmente nemmeno loro. Il fatto che la facevano troppo facile, dall'alto di una spocchia ed una classifica che non si sa bene entrambe da dove arrivino. Mai come questa sera Cassano ha dimostrato la sua pochezza, nelle gare che contano: forse ora molti si renderanno conto di quanto dico da anni, quando sostengo che nelle gare importanti semplicemente sparisce, giocando a palla avvelenata col solo scopo di eliminare l'avversario inducendolo al fallo (oppure inducendo l'arbitro a credere di aver subito falli devastanti). La gestione dei cartellini di Rosetti, come sempre, non mi piaciuta: a noi non ha perdonato nulla, nemmeno un innocuo fallo di mano a centrocampo che non si capisce per quale astruso motivo dovesse meritare il cartellino giallo; dall'altra parte ha tollerato proteste di ogni genere, ha pi volte fatto palesi gesti di proseguire sui soliti salti per aria di Cassano, evidentemente giudicato reo di simulazione, ma senza mai tirare fuori alcun cartellino (Mesto per una banale caduta in area ha saltato il derby); addirittura ha ignorato Cassano anche quando, saltato in dribbling da Milanetto l'ha preso da dietro per la maglia. Solo nel finale, quando gli altri hanno perso la testa, ha riequilibrato il numero dei cartellini. Eh gi, perch nel finale loro hanno perso proprio la testa, dopo che i loro tifosi avevano anche perso la faccia: prima i fischi a "Ma se ghe pensu" (nemmeno i milanesi che ci cantano puzza di pesce l'avrebbero fatto), poi cori prevalentemente contro (Genoano pezzo di merda il pi gettonato), poi gli idranti (nemmeno capaci di indirizzarli bene, si sono bagnati da soli), poi la gradinata deserta prima del fischio finale: sar crisi da astinenza di Nutella ? Non lo so, ma sicuramente ieri si riscontrava nei loro visi per strada e nei loro atteggiamenti un livore che non era degno di un derby sempre correttissimo sugli spalti come quello di Genova, e gli incidenti pregara di Corso De Stefanis, nonch il delirante volantino fatto circolare nei giorni scorsi (scaricalo qui) lo testimoniano. Probabilmente era facile fare i signori quando si stava sopra, certo che purtoppo ora l'aria sta cambiando, e ieri era pesante assai.

Ma torniamo alla gara: dominata, dicevamo, con una sola squadra in campo; lo stesso Del Neri ha implicitamente ammesso che un 5 a 0 sarebbe stato risultato pi esatto, proprio come Mourinho fece contro di noi, non a caso con la stessa tattica ieri adottata dal Gasp: nessun punto di riferimento in avanti e in difesa, oltre a tutto composta da onesti mestieranti, non hanno pi capito da che parte prenderci.

Col rientro di Juric, poi, anche i tre difensori, con la squadra avversaria costretta al lancio lungo, hanno dimostrato tutto il loro valore che sembrava potersi mettere in discussione. Amelia senza voto sulla maggior parte dei quotidiani la dice lunga su come andata la gara.

Certo che di cerchiato di blu gli rimasta una sola cosa, ormai.

 

Genoa, 29 Novembre 2009

Liaigh