Ci siamo anche noi

 

In questa fase del campionato si cerca di valutare l'effettiva forza delle squadre, al di lÓ della classifica, prendendo in considerazione il peso delle gare disputate e magari gli esiti degli incroci tra alcune squadre, visto che il calendario pu˛ in una certa misura condizionare la classifica stessa. Orbene, se Ŕ vero come Ŕ vero che la Juve era a punteggio pieno per aver incontrato e battuto in trasferta le due romane; se Ŕ vero, come Ŕ vero, che a marassi abbiamo assistito ad uno spettacolo calcistico, ed uno spettacolo possono farlo solo due grandi squadre; se Ŕ vero che alla fine i tifosi avversari hanno preso il pareggio come una liberazione; se Ŕ vero che fin qui la Juve le aveva vinte tutte e che per Ferrara questi sono i primi punti persi fin dall'anno scorso, e che la Juve da qui alla fine si giocherÓ strenuamente lo scudetto, beh, allora possiamo dire che ci siamo anche noi. Al tavolo dei grandi, intendo, perchŔ la gara di stasera, e quella precedente, hanno dimostrato che possiamo giocarcela con chiunque, a patto di tenere sempre il gioco su ritmi forsennati, che se no possiamo perdere da chiunque. E proprio su questo campo la Juve mi ha impressionato, perchŔ si tratta di una squadra con ottimi giocatori e che gioca anch'essa a ritmi molto elevati, pressando in maniera animalesca (cit.) a partire dagli attaccanti, e che ha l'umiltÓ di sacrificare un giocatore, Poulsen, in marcatura pura a centrocampo sul faro avversario. Aver giocato alla pari con questa squadra deve darci una forza mostruosa per proseguire il campionato e le coppe, facendo ruotare tutti i giocatori dell'ampia rosa, pur nelle difficoltÓ che questo comporta: lo stesso Valencia, squadra contro la quale per alcuni sarebbe anche inutile fare la trasferta, ha perso  guarda caso 3 a 1 sul campo di una squadra di bassa classifica, dopo aver pareggiato in casa in superioritÓ numerica per un'ora la giornata precedente. Colpa, o merito, del turnover. Turnover che, per inciso, ha consigliato alla Juve di non schierare ancora Diego per averlo sicuramente con il Bayern, perchŔ questi problemi non li ha solo Gasperini. E il Genoa, come quasi tutti, ha "una" ottima squadra, non due.

Ah, a proposito: se fossimo lupetti o ciucci o gobbi avremmo detto che la punizione da cui Ŕ nato il goal del pareggio loro non c'era. Ma noi siamo pi¨ signori.

 

Genoa, 25 Settembre 2009

Liaigh